Iniziative, Video

Il Dantedì al Liceo Ruggieri: i video realizzati dagli studenti

Il Dantedì di quest’anno è stato particolarmente sentito in tutta Italia. Ricorre infatti il 700° anniversario della morte del Sommo Poeta, autore della Divina Commedia a cui si lega la data del 25 marzo, considerata l’inizio del viaggio nell’aldilà di Dante Alighieri in quella che viene considerata la sua opera più importante. Nelle settimane che hanno preceduto la ricorrenza, gli studenti di numerose classi, seguiti dai docenti di lettere, hanno approfondito alcuni aspetti della produzione letteraria di Dante Alighieri, realizzando una serie di elaborati digitali che di seguito pubblichiamo.

L’elaborato della III A
L’elaborato della IV G
L’elaborato della IV D
L’elaborato della IV F
L’elaborato della V E
Iniziative, Video

Una giornata dedicata al “Pi greco”

Come da tradizione, anche quest’anno il Liceo “Ruggieri” ha celebrato il “Pi greco Day”. La costante matematica è tornata protagonista assoluta nella “sua” giornata, convenzionalmente fissata per il 14 marzo. All’interno dell’istituto sono state numerose le attività organizzate dagli studenti e dagli insegnanti, qui raccolte in un video che riassume bene lo spirito del “Pi greco Day”.

Riflessioni intorno alla scuola, Video

Fisica, che passione…

Quest’anno noi alunni della III B, guidati dalla nostra docente professoressa Donatella Piazza, abbiamo affrontato in fisica lo studio della Meccanica dei fluidi .

L’argomento è stato approfondito eseguendo dei lavori di gruppo. Ogni gruppo ha pensato, elaborato ed eseguito degli esperimenti, ripresi e montati successivamente in un video.

Non mancano le riprese dei retroscena…

Buon divertimento dalla III B!

Ecco il video realizzato dai ragazzi…

Video

Arriva l’Open Day: vi presentiamo il “Ruggieri”

Come ogni anno, si rinnova l’appuntamento con l’Open Day che apre le porte del Liceo “Ruggieri” alle famiglie e agli studenti che stanno per scegliere l’istituto superiore che frequenteranno a partire dal prossimo settembre. Per aiutarli nella scelta, i ragazzi del “Ruggieri” hanno preparato un video in cui descrivono i tre indirizzi: Nuovo Ordinamento, Scienze applicate e Liceo Sportivo.

Riflessioni intorno alla scuola, Video

L’interscambio culturale

L’interscambio culturale è un progetto attuato nell’ambito scolastico al fine di socializzare, trattare certi temi e, come dice il nome, approfondire le differenti culture tra gli studenti di diverse nazioni Europee.

E’ quindi una importantissima opportunità per ampliare le nostre conoscenze, tramite lo scambio di diverse esperienze con ragazzi di altre nazioni, che parlano e comunicano in modo diverso dal nostro.

 

Anche la nostra scuola ha aderito a questo progetto e noi della classe II H, guidati dalla professoressa Bruna Scimonelli, ci siamo messi in contatto, tramite varie piattaforme web, con coetanei polacchi e spagnoli della nostra età.

Il progetto fin da subito ha ottenuto un positivo riscontro tra noi ragazzi della classe che con grande entusiasmo abbiamo realizzato un video di presentazione: dopo aver detto i nostri nomi, abbiamo presentato le materie che studiamo, le attività laboratoriali che svolgiamo e le attività sportive che pratichiamo a scuola. Ciò che ci è piaciuto tanto è stato il parlare tutti insieme in lingua inglese, sebbene guidati dalla prof. Speriamo di potere ripetere quanto prima un’esperienza di questo tipo.

Inoltre si è approfondito il tema dei diritti universali dell’uomo realizzando anche dei disegni sull’argomento, leggendo ed analizzando i primi 10 articoli della Dichiarazione dei diritti universali.

Davide Reina, Francesco Eletto – II H

Riflessioni intorno alla scuola, Video

Pendolando tra “bioritmi” e “disarmonie”

Il pendolare è una persona che si muove, in genere tramite trasporto pubblico, alternativamente dal proprio luogo di residenza al luogo di studio o lavoro.

Sono quasi 29 milioni (48,6% della popolazione residente) “le persone che ogni giorno effettuano spostamenti” per recarsi sul posto di lavoro o di studio: in dieci anni questo numero è cresciuto di circa 2,1 milioni, o almeno questo è quanto emerge dal censimento dell’ Istat (05-08-2014) sugli spostamenti pendolari.

Gli “studenti pendolari”, secondo le statistiche del CENSIS, in italia sono più di 4,5 milioni ad oggi, a differenza dei 4,2 milioni del 2001, incremento che è una causa delle concentrazioni urbane in molte aree del paese.

I numeri in possesso dalla SMA ( Servizio Municipale Autotrasporti) riportano che nell’anno 2015/16 nel comune di Marsala gli abbonati a fine anno siano stati circa 850 considerando che circa 250 appartengono al comune di Petrosino, nell’anno 2016/17 ad oggi gli abbonati sono 750 considerandone 200 appartenenti al comune di Petrosino. Dati che possono variare durante l’anno con un incremento di circa 100 abbonati.

Nel nostro Liceo, i pendolari sono molti, su circa 900 studenti in totale quasi il 30% sono pendolari che provengono principalmente dalle città di Strasatti e Petrosino.

Ma che vita fa il pendolare?

Quali sono gli aspetti positivi ( se ce ne sono) e quali negativi ( incontestabili) ?

C’è chi afferma che il tempo passato all’interno dei mezzi pubblici sia “tempo sprecato”, ma il concetto di tempo sprecato è completamente inappropriato! All’interno di un mezzo pubblico, nell’intervallo di tempo che va dai 45 ai 60 minuti, durante il tragitto, durante le fermate, si ha la possibilità di crearsi uno spazio proprio nel quale riflettere, sognare, meditare. Viaggiando con un mezzo pubblico, si è costretti a dover stare a contatto con molte altre persone, che queste siano anziane, extracomunitari, conoscenti, amici… e ciò che accade all’interno non è mai “monotono” : come non notare la ragazza che sale con i capelli bagnati, per quale motivo li avrà bagnati? Non le sarà bastato il tempo? Lo avrà fatto di proposito? Chi lo sa…

Come si può non notare il ragazzo che già da mezz’ora tiene gli occhi chiusi? Avrà dormito poco?

Raggruppando i vari aspetti positivi e negativi possiamo però dedurre che le giornate del pendolare sono in partenza neutrali, dipendendo essenzialmente dal “morale” del passeggero-soggetto.

La vita da pendolare è caratterizzata da una vasta serie di eventi che possono ottimizzare il proprio modo di vedere la realtà; che ti fanno riflettere, che ti incuriosiscono, ti fanno porre delle domande ma soprattutto ti insegnano molto; basta osservare distogliendo lo sguardo dal display dei nostri smartphone o ascoltare gli altri, liberando le orecchie dalle cuffie dei nostri i-pod….

Non si sbaglierebbe, perciò, a sostenere che la giornata di uno studente “pendolare” si può praticamente riassumere con una semplice affermazione: “Lo studente pendolare già prima di entrare a scuola ha un’ora di lezione”.

Bisogna onestamente riconoscere anche che non tutte le mattine però sono piene di positività. Ciò è dovuto alle pessime condizioni dei mezzi pubblici : finestrini che in pieno inverno non si chiudono, l’aria che respiriamo che diventa più satura di emissioni nocive che di ossigeno, gli appoggi e le sedie ricoperte di polvere, il frastuono del motore che tartassa il cervello ed una serie infinita di problematiche. che se non si è fatto il pieno di “pazienza”, possono rendere già alle 08:00 del mattino l’umore pessimo.

Alessio Pizzo