Filosofia, Libri, Rubriche, Storia del pensiero

LA   FELICITA’,  un  viaggio filosofico

foto felicità

“La felicità a volte ci sfugge e dipende da noi. Siamo condizionanti ma non determinati a essere più o meno felici.

Abbiamo dunque la facoltà, grazie soprattutto all’uso della ragione e della nostra volontà, di accrescere la nostra capacità di essere felici.”

Un saggio prezioso e interessante ci regala Frédéric Lenoir  “La felicità, un viaggio filosofico” . Un lungo cammino nella filosofia e nella storia del pensiero, per comprendere l’evoluzione di quest’ultimo sulla felicità e cosa fare al fine di trovare “la contentezza” che a molti giovani, sembra mancare.

“È molto più facile, per ciascuno di noi, rispondere alla domanda: -Che cosa mi rende felice?- piuttosto che alla delicata questione -che cos’è la felicità?- “

La nostra felicità sarà, infatti, sicuramente diversa da quella degli altri, ci saranno quindi persone più inclini rispetto ad altre ad essere felici; uno stesso ostacolo potrebbe rendere felice una persona e triste un’altra.  Dipende da come reagisce quest’ultima.

La felicità quindi esiste; ma non esiste una “ricetta” per quest’ultima, in quanto cambia da soggetto a soggetto.

Tuttavia per non essere infelici, non dobbiamo eliminare gli ostacoli esterni ma superarli, non basta sopprimere un’ emozione o un sentimento che ci scombussola, ma dobbiamo trovare emozioni più potenti ad animarci, a darci un “senso”, uno scopo, un “significato”, una direzione, dobbiamo saper cosa vogliamo dalla nostra vita, emozioni che riusciranno a eliminare le cause della nostra tristezza, non dobbiamo mai farci schiacciare, incupire dal dolore, dobbiamo saper reagire, e solo in quel momento possiamo capire che cos’è la felicità.

La nostra felicità non dipende dall’esterno, non dipende dalle nostre amicizie, dalla nostra posizione, dalle nostre possibilità economiche… dipende solo dal nostro essere.

“La felicità, un viaggio filosofico” è un libro che molto fa riflettere e ti sprona a cambiare modo di vedere il mondo circostante, ti sprona a cambiare, ad avere degli obbiettivi fissi e fare di tutto per mantenerli e realizzarli, e se non dovessi riuscire ad ottenere i risultati sperati,  avrai in ogni caso ottenuto un riscontro positivo dal percorso fatto.

Reina Davide 3H