Emozioni, Musica, Passioni, Rubriche

Musica classica e Musica moderna: due mondi apparentemente abissali

Безымянный-1

Musica classica e musica moderna sembrano apparentemente avere una differenza abissale: epoca, idee, regole, pubblico e artisti diversi. Eppure, simbolicamente parlando, il valore della musica rimane sempre lo stesso. La musica moderna , per esempio, rispetto a quella classica molto spesso è formata da quattro accordi che sono alla base di tutti i ritmi e quindi suonare viene molto semplice e chiunque può provare a farlo. Invece, un musicista che ha studiato musica classica ha una vasta conoscenza che va dalla teoria, al solfeggio, all’armonia fino alle ore e ore di pratica giornaliere. La musica classica, in pratica, viene considerata la madre di tutti gli altri generi musicali, sviluppati nel corso degli anni come il blues, il jazz, il pop fino ad arrivare ai giorni nostri con la musica elettronica e gli altri generi più all’avanguardia, come la trap music. Cambia anche il modo di fare successo: la musica moderna è in continua evoluzione e fare successo è molto semplice se si ha originalità, invece la musica classica rispetta dei canoni che non possono essere cambiati e per avere successo bisogna avere molta pazienza, dedizione e passione. Ciò che cambia è anche l’esibizione. Non è la stessa cosa andare ad un concerto di un famoso musicista classico, come andare ad un concerto di un cantante appena uscito da un talent show o in tendenza su youtube. Cambia l’ascolto, la serietà e molto spesso anche il pubblico. Continue sono dunque le critiche sia sull’uno che sull’altro campo della musica. I giovani per esempio, attratti dalle nuove tendenze, considerano la musica classica molto noiosa e non originale; altri,invece, soprattutto gli appassionati, considerano la musica classica come un genere insuperabile, superiore e che non ha niente a che vedere con la banale musica moderna.

Infinite possono essere le critiche , ma la musica non è politica, religione o una questione sociale.

La musica è una libera espressione e non ha importanza se precedentemente a comporre le musiche armonicamente complesse e con un più alto livello di cultura  erano artisti come Beethoven, Mozart o Chopin a differenza dei più semplici compositori attuali.

La musica cambia nel corso degli anni, cambia come è cambiato il mondo , si adatta alle generazioni ed è capace di provocare sempre forti emozioni. Essa non può essere sottoposta a critica, ognuno ha il diritto di ascoltare o suonare  la propria musica, in quanto è l’unico posto in cui ci si può sentire veramente liberi.

In conclusione si può dire che la musica ha un forte e unico potere:unire persone, contesti ed epoche diverse e comunicare sentimenti universali nonostante le modificazioni che ha subito e che certamente subirà.

Valeria Mezzapelle, 4°F

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...