Poesie

Una poesia per la Giornata della Memoria

Il sonno

Una cupa tranquillità
Regnò nella notte
Del sonno della ragione:
Non gli sbuffi alla stazione,
Né la voce della morte
Poté destare l’umanità.

Un angosciante grigiore
Regnò nel giorno
Del sonno della speranza,
Quando ad oltranza
Venne limato ogni contorno
E lavato via ogni colore.

Tanto fosti amara, vita,
In quelle eterne settimane
Del sonno dell’amore,
Fatte dai pianti e dalle grida
Che furon tanto mute e vane
Quanto oggi fan rumore.

Antonina Rubino, IV G

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...